haflinger club Italia  -  Registro Italiano                                             Archivio e documentazione

P0247021.jpg (21568 byte)

RACCONTO  DEL  NOSTRO  8°  INCONTRO  NAZIONALE 

- CERVINIA  2005 -

 

Eccomi qui, ancora una volta pronto a raccontarvi una nuova avventura !!

Dopo un paio di anni, grazie ai soci Bruno Perron, Alessandro Mariani e Bondaz Michel, siamo riusciti ad organizzare un altro raduno, il nostro 8° Incontro Nazionale dei Proprietari di Haflinger, in quel della Valle d’ Aosta, esattamente nella valle del Cervino !!

Devo dirvi subito che in questo nostro ottavo incontro non si è fatto male nessuno, ed è stato veramente un bel raduno, erano presenti 38 Haflinger dei quali circa metà stranieri, Francesi, Tedeschi ed Austriaci, per un totale di circa 90 persone !!

Sono stati tre giorni molto intensi, abbiamo avuto sole, pioggia e la prima neve della stagione !!

Ora passo a raccontarvi come al solito la cronaca di queste giornate.

 

VENERDI’  16  SETTEMBRE  2005

 

Al mio arrivo ad Antey erano già presenti un paio di Haflinger Tedeschi ed uno Austriaco, nel primo pomeriggio di venerdì, insieme a Bruno ci siamo messi in attesa dell’ arrivo dei partecipanti all’ incontro, fino alle 17,30 erano arrivati pochi Haflinger, da quel momento in poi gli arrivi sono stati continui, tanto è vero che ad una certa ora  c’è stato un intasamento del punto dove facevamo arrivare gli Haflinger che arrivavano su carrelli o camion, perciò oltre agli Haflinger dovevamo far sistemare auto, carrelli e camion !!

Un gran bel movimento, e alla fine verso le 19 tutto era sistemato, mancavo solo un Haflinger all’ appello che sarebbe arrivato nella notte, quello di Enrico Podestà, che aveva finito di sistemare poche ore prima di partire per la valle d’ Aosta !!

Finalmente ho potuto salutare i partecipanti al raduno ed ho potuto incontrare nuovamente molti amici che non vedevo da anni, incominciando da Drabek, che anche questa volta non è voluto mancare al nostro incontro, e poi tutti gli amici francesi da Ives a Gerard, i Tedeschi Rudi Magg e Lorenz Rohde, a tutti i soci Italiani, uno per tutti il mitico Guido Bassi, che non si perderebbe un nostro raduno per nessuna cosa al mondo, e poi un ricordo particolare per un’ amico Austriaco che non incontravo da ben 11 anni, Harich che era venuto al nostro 3° Incontro Nazionale a Genova Serra Riccò e poi non ci eravamo più incontrati, è stato veramente una bella sorpresa ritrovarlo insieme a noi dopo tanti anni !!!

Poi ci sono state delle nuove conoscenze come quella del Francese Volait, un signore di 80 anni di Parigi che è voluto essere presente al nostro Incontro, nonostante la menomazione ad una gamba, ed ha fatto tutto il percorso senza la minima difficoltà, abbiamo avuto anche la partecipazione per la prima volta ad un nostro raduno di un nuovo amico Tedesco di Garmisch Ziemer, che si è divertito molto !!

E’ stata anche l’occasione per incontrare nuovamente Antonio, completamente ristabilito dopo l’incidente a Bardonecchia di due anni fa, e il suo socio Tommaso, pronto per nuove acrobazie, ( che in effetti non mancheranno…………… ), di incontrare anche dei soci che per la prima volta erano ad un nostro Incontro, come Bonfiglio da Stresa, Magnani da Como, Bonomelli di Milano,  e gli amici e soci della Valle d’Aosta, Bondaz e Anselmo Fosson !!

La sera ci siamo riuniti tutti al ristorante Cervinia ( che fantasia !! ) e sono stati distribuiti i ricordi sia dell’ Haflinger club Italia che del Comune di Antey, e poi un’allegra serata fino a tardi !!

 

SABATO  17  SETTEMBRE  2005

 

La mattina ci troviamo verso le 8,30 sul piazzale del mercato di Antey per la partenza in colonna, vengono distribuiti i programmi di queste due giornate e dopo le foto di rito alle 9,10 si parte per un lungo giro, non tutti, tre Haflinger restano sulla piazza del mercato, sono i mezzi di Podestà ed Grondona Gianni ( Haflinger che monta un motore Alfa Romeo boxer 1300 !! ) con dei problemi e l’ equipaggio di Grondona Giorgio per cercare di aiutare gli altri Haflinger, alla fine i due Haflinger dei Grondona padre e figlio, riusciranno a raggiungerci, mentre l’ Haflinger di Enrico ci raggiungerà solo a pranzo.

Passiamo per il paese di Torgnon e quando arriviamo a cima Plan, lasciamo l’ asfalto per immetterci su uno sterrato in mezzo ai pini in un paesaggio fantastico, fino ad arrivare ad una breve ma ripida salita dove gli Haflinger cominciano a dare il meglio di sé, naturalmente passata la salita tutti fermi a fotografare quelli che ancora devono arrivare  !!

Il giro prosegue senza problemi per tutta la mattina, tra meravigliosi paesaggi e verso le 11 e 30 ci fermiamo in località Gillierey presso una Cappeletta da cui si gode un meraviglioso panorama sul Cervino e su tutta la valle del Cervino, si mangia salame e formaggio e si beve acqua e vino, più vino che acqua……….

Qui ci raggiungono anche alcuni equipaggi Francesi che erano rimasti indietro per un guasto all’ Haflinger di Yves, dopo questa sosta culinaria, ripartiamo alla volta di Torgnon, dove dopo un aperitivo offerto dall’ Amministrazione Comunale , andiamo a pranzare presso un ristorante del paese.

Il pomeriggio il bravo Bruno ci porta a vedere un museo Etnografico presso il villaggio di Triatel, molto interessante, sono stati restaurati alcune antiche costruzioni e all’interno sono stati sistemati molti strumenti di vita contadina del tempo che fù, ed anche strumenti di vita quotidiana.

Siccome, però, la giornata era trascorsa troppo tranquilla, a detta di alcuni partecipanti, sempre il padrone del posto, Bruno, organizza in presa diretta un paio di ore presso una cava nelle vicinanze di Antey dove alcuni partecipanti potranno sfogare i cavalli del proprio Haflinger!!

E così ci troviamo verso le 18,00 in questo posto, dove Antonio comincia le danze seguito a ruota da Enrico, che nel frattempo è riuscito a rimettere in sesto il proprio Haflinger, e cominciano le danze anche per Giorgio Grondona, Yves, Carlo Grondona e altri partecipanti, ma soprattutto lui l’ uomo che riesce a cavalcare l’ Haflinger in situazioni estreme, TOMMASO, infatti, siccome tutte le altre montagnette e salite varie erano già state percorse, decide di calarsi da una discesa veramente impossibile, intanto in fondo le scommesse sono aperte, gente che scommette sulla riuscita della discesa, altri che scommettono su quanti giri farà l’ Haflinger di Tommaso prima di arrivare in fondo ( io da bravo tesoriere, tenevo i soldi delle scommesse………….), alla fine, anche se ha provato in tutti i modi a  “dare il giro all’ Haflinger”  Tommaso è arrivato indenne alla fine della discesa, anche aiutato da Antonio che spostava i massi più grossi !!

La fine di questa prima giornata ci vede nuovamente riuniti alla pizzeria il Cervino !!

La fine della giornata per quasi tutti, non per Enrico, Giorgio, il socio Dario Gonzatti che sono nuovamente dietro all’ Haflinger di Enrico, che non ne vuole proprio sapere di funzionare bene per più di 2/3 ore, per loro la fine della giornata sarà verso le due di notte con una corsa solitaria verso Cervinia per provare l’ Haflinger di Enrico, che adesso sembra funzioni definitivamente !!

 

DOMENICA  18  SETTEMBRE  2005

 

La giornata si presenta male: piove e la pioggia  in questi casi rompe le scatole, ma siamo tutti presenti sulla piazza del mercato di Antey, ci ha raggiunto anche l’ amico Francese Clerico di Parigi, ma di chiare origini Italiane, precisamente di queste parti, non ha potuto essere presente con il suo Haflinger perché non funzionante, ma sarà ospitato sull’ Haflinger di Alessandro Mariani per tutta la giornata !!

Partenza alle 9,15 per Cervinia, dove ci aspetta il Presidente del Land-Rover club, all' arrivo saluti e scambi di omaggi e poi,sempre sotto la piggia, giro con gli Haflinger per Cervinia.

Alle ore 11 e 30 circa arriviamo, dopo un meraviglioso sterrato al Rifugio Motta, dove pranzeremo, a quota 2000 metri e l'acqua si trasforma in neve, ma prima di cenare ci trasferiamo al passo delle Cime Bianche a oltre tremila metri di altezza, qui di neve ce ne sono 4 dita e il divertimento inizia e ci si può sbizzarire perchè i percorsi da fare in fuoristrada sono veramente tantissimi  !!

Enrico con il suo Haflinger, che anche oggi ha avuto noie tecniche, ma è riuscito ad arrivare lo stesso a queste quote, inizia le evoluzioni, seguito da tutti gli altri, il posto è fantastico, fà molto freddo, ma il divertimento con la neve è il massimo, questo tempo però non ci permette di arrivare ancora più in alto, oltre i 3200 per battere il record di altezza raggiunto con gli Haflinger in Europa dopo quello di Bardonecchia di due anni or sono !!

Alla fine, dopo circa due ore di fantastico fuoristrada, dove si sono visti Haflinger con motori preparati in tutte le maniere, quello che è arrivato più in alto è stato quello condotto da Tommaso con motore originale, la lui la palma simbolica del vincitore !!

All' una circa torniamo al rifugio Motta per il pranzo e per scaldarci, all' interno del rifugio la stufa a legna è accesa dalla mattina, e vai con polenta e sugo, polenta concia e altre prelibatezze della zona .

Nel primo pomeriggio anche questo nostro 8° Incontro Nazionale dei Proprietari di Haflinger si conclude e cominciano i saluti, il momento è sempre molto triste, ma penso già al momento in cui rivedrò tutti gli amici :  esattamente al prossimo HAFLINGERTREFFEN !!

 

PENSIERI  DEL  PRESIDENTE !!

 Alla fine di queste tre giornate, devo dire che questo 8° Incontro è stato quasi perfetto, quasi nessuno si è lamentato, e questo vuol dire che l'organizzazione di Bruno è stata grande, non si è fatto male nessuno e questa e un'altra gran bella cosa, e nonostante il tempo non ci abbia aiutato molto tutti erano veramente felici !!

Bene, perchè anche per organizzare questo Incontro ci sono voluti più di 12 mesi e la pazienza di Bruno nel richiedere tutti i vari permessi che ci hanno permesso di muoverci in questa meravigliosa valle !!

A questo proposito, voglio ringraziare tutte le Amministrazioni Comunali della Valle ed in particolare quella di Antey, che ci ha agevolato in tutte le occasioni possibili, veramente un grande GRAZIE, ma i ringraziamenti vanno a tutti i soci che hanno permesso la realizzazione di questo evento, a Bruno Perron, a Alessandro Mariani ed a Bondaz Michel, senza di loro non avremmo potuto realizzare un raduno in Valle d' Aosta !!

Come al solito, il triste momento dei saluti, è vissuto da me come un incubo, non sono ancora riuscito a rassegnarmi che ogni raduno ha una fine e che prima o poi dovrò salutare tutti gli intervenuti, quest'anno mi ha fatto molto piacere rivedere l' Austriaco Harish, l'ultima volta che ci aravamo visti è stato al nostro 3° incontro a Genova Serra Riccò, perciò il piacere di ritrovarlo è stato immenso, e come dimenticare la figura dell' amico Drabek, che ancora una volta è arrivato da Vienna per essere con noi, e con lui è arrivato anche il Dottor Gutmann con la moglie che vedi il destino è nata il mio stesso giorno, stesso mese e e stesso anno, e che anche quest'anno abbiamo festeggiato insieme !!

Poi tutti gli amici Francese, anche qualche nuovo partecipante, che si sono sobbarcati kilometri e kilometri per essere con noi, fra tutti gli amici Gerard e Yves, e gli amici Tedeschi Rudi e Lorenz con il loro pallino fisso di portare gli Haflinger sullo Chaberton, voglio però ringraziare particolarmente tutti i soci dell' Haflinger Club Italia che erano presenti, a loro è stata consegnata la targa in ottone realizzata dal club per il nostro registro Italiano, a tutti gli altri soci sarà spedita al più presto !!

Alla fine le sensazioni sono sempre bellissime e i giorni sempre troppo pochi, è sempre bellissimo vedere tutti quegli Haflinger assieme e sentire parlare di modifiche e progetti vari, ed è tristissimo il momento dei saluti !!

Bene, questo è tutto, non ci sono programmi per il futuro, non sappiamo ancora se, dove e quando ci sarà un prossimo Haflingertreffen,                                                       ma se l' avventura finirà qui, di fantastica avventura si sarà trattato.....!!!!

Grazie a tutti i partecipanti e saluti cordiali a tutti i lettori .

da Genova   MAX

 

 FOTOGRAFIE  8°  INCONTRO  CERVINIA